You are currently browsing the category archive for the ‘Penelope va alla guerra’ category.

Penelope va alla guerra. Marzo 2010

Nonno ma perché quell’albero non è più verde? Perché ha perso le foglie mia cara. E perché ha perso le foglie? In natura ci sono due tipi di alberi: i sempreverdi hanno un comportamento più antico e si sono adattati alle difficoltà delle vita, freddo, aridità, arsura trasformando le loro foglie che sono appunto sempre verdi. E’ perché sono verdi? Perché nelle foglie degli alberi , ma anche delle altre piante avviene il miracolo della nostra esistenza, un miracolo silenzioso e invisibile. Davvero nonnino un miracolo, come quelli che avvengono in quel posto di cui parla sempre la nonna , lurdde? Sai mia nonna mi ha detto che la signora Cecilia partirà tra qualche giorno per andare a chiedere un miracolo. Si mia cara, ma quei miracoli sono miracoli sporadici e occasionali non grandi come quello che avviene ogni giorno grazie al sole che ride. Il sole che ride? E’ perché ride? Ride proprio perché con la sua luce e il calore permette il miracolo della vita. Miracolo della vita è che vuol dire? Allora, piccolina lasciami finire, non andare di fretta. Ti parlavo degli alberi. I sempreverdi sono stati i primi a venire su questo nostro pianeta , non chiedermi cos’é ma poi te lo spiego. Grazie alle piante e al loro respirare si è creata un specie di campana invisibile che ha permesso la nostra vita, una campana che non c’è su altri pianeti, aspetta a chiedermi cos’è se no mi confondo,  e che si chiama atmosfera, una sfera invisibile appunto. Le piante poi sono aumentate e così lo spazio a loro disposizione è stato sempre di meno per poter prendere la luce del sole e compiere il miracolo della vita. Uffi, ancora con questo miracolo della vita. E si,  se mi lasci finire poi capisci . Le piante ti dicevo, un po’ alla volta hanno iniziato a crescere verso l’alto per prendere la luce del sole, sono diventate felci, sempre più grandicelle e con un tronco che gli permettesse di rimanere in piedi. Si ma gli alberi non hanno i piedi vero nonno? Certo ,certo non hanno i piedi però andando verso l’alto prendevano spazio e possibilità di farsi toccare e bagnare dai raggi del sole. Per compiere il miracolo della vita. Brava vedo che stai iniziando a capire. I primi alberi furono sempreverdi perché non avevano gli strumenti e la capacità di adattarsi ai cambiamenti delle stagioni. Non avevano un piumone per ripararsi d’inverno. Ah io c’è l’ho! Me l’ha regalato la mamma, tutto blu e con i cuoricini. Si,  anche agli alberi piacerebbe avere un piumone, ma nelle foreste non ci sono i supermercati. Meno male nonno, sai quanta gente  ci sarebbe il sabato? Non divaghiamo mia cara, se no perdo il filo, allora ti dicevo nelle foglie scorre la linfa un po’ come quelle linee blu che si vedono sulla tua mano. Sai come si chiamano? Ah ma questo è facile venus me l’ha detto Roberto. Più o meno più o meno se a venus togliamo qualche lettera diventa vene. Quelle della mano si chiamano vene. Ah si.. venus mi sa che è la crema che mamma cerca sempre che sia in offerta ma non la è quasi mai. E sai nonno cosa fa. No, cosa fa? La compra lo stesso, e poi la sera quando papà sta fuori vedo che se la mette sotto gli occhi e sul collo. Ma non digaviamo nonno, dimmi le vene? Allora nelle vene scorre il sangue, un liquido rosso che serve a nutrirci, non chiedermi come questo succede, te lo racconto un’altra volta. No nonno, vai avanti. Ecco nelle foglie succede la stessa cosa scorre un liquido molto denso  che non si chiama sangue ma linfa, e questo liquido nutre l’albero. Sai cosa succede se d’inverno la temperatura si abbassa e l’albero ha le foglie? No nonno dimmelo tu. Succede mia cara che gela e muore. Allora per evitare questo i primi alberi. I sempreverdi? Ma brava vedo che sei attenta. Si nonno, attentissima. Ecco,  i sempreverdi trasformarono le loro foglie rendendole piccole e resistenti, in alcuni casi divennero degli aghi come quelle dei pini. Vedi proprio come quell’albero laggiù. Si nonno però non mi hai ancora risposto, perché gli alberi perdono le foglie? Allora cos’abbiamo detto succede nelle foglie? Il miracolo della vita, vero nonnino. Bravissima. E ti spiego cos’è questo miracolo. Fai attenzione. Il sole che ride bagna le foglie che attraverso un processo che noi uomini abbiamo scoperto da poco , diciamo forse cent’anni, chiamato fotosintesi clorofilliana.Difficile questa fotosinfasi coccofilliana. Si, anche per molti grandi lo è ma questa la studierai quando diventerai grande. Ti dicevo che grazie a questo processo.Lo stesso che hanno subito le Winx? No quello è un’altra cosa e un altro giorno ti spiegherò anche questo cosa vuol dire. Diciamo che grazie ad un’azione invisibile che avviene nelle foglie verdi, il processo difficile da ricordare.La fotosinfasi coccofilliana.Si proprio quello, dicevo grazie a questa fotosinfasi  la luce del sole viene trasformata in due ingredienti fondamentali per la nostra esistenza. Quali nonno?  Questa mi pare una bella notizia. I due ingredienti sono l’ossigeno e gli zuccheri. Gli zuccheri? Ma lo zucchero non è bianco e si trova nel barattolo accanto alla lavatrice in cucina? Sapessi quanto strilla la mamma quando si accorge che ne mangio un po’. La mamma ha ragione tanto zucchero fa male. Soprattutto quello bianco e raffinato. Ma sai come mangiano gli alberi? No, nonno come mangiano? Con l’acqua e la terra dalle radici? Le radici servono ad ancorarlo e a prendere acqua e sali minerali. Anche quello il sale mamma non vuole che lo prendo dal barattolo. E fa bene la mamma. Gli alberi ti dicevo, mangiano con le  foglie e più foglie ha un albero e più sono grandi e lisce e più mangia. E quindi nonno perché l’albero perde le foglie? Dopo i sempreverdi arrivarono alberi più evoluti con maggiori  strumenti per  resistere alle condizioni climatiche esterne e poi iniziarono a riprodursi con i fiori. Con i fiori nonno ma che dici? Dei fiori e della riproduzione degli alberi te ne parlerò un’altra volta. Dicevamo che questi alberi più evoluti compresero che maggiore è la quantità della superficie della foglia e maggiore è la quantità di energia che un albero riesce a trasformare e mettere da parte, però quando arriva l’inverno è costretto a lasciare andare le foglie, chiudere tutti i suoi scompartimenti ed andare in letargo fino a quando le gemme, che  già sono pronte prima che le foglie cadano, con il tepore della nuova stagione inizieranno ad aprirsi. Nonno ma allora non è vero che l’albero non è più verde. Sta solo dormendo? Le foglie degli  alberi sono verdi e poi diventano rosse, ma quello non è il loro colore naturale a quel punto cadono e l’albero rimane spoglio per qualche mese e poi grazie al sole che ride. Quello che fa il miracolo della vita nonno. Certo mia cara. Grazie al sole che ride , a  primavera,  le gemme si riapriranno di nuovo per far tornare le foglie, verdi e vibranti mosse dal vento per una nuova stagione fatta di armoniosa bellezza. Ti voglio bene nonno. Anch’io piccolina.

Antimo Palumbo 

Annunci

Penelope va alla guerra Febbraio 2010

“Un pezzo con i fiori di zucca…si si,va bene… aperta lasciala aperta”  Le frasi introduttive al rito della pizza dal pizzettiere di Piazza Santa Maria Ausiliatrice a Testaccio . Il centro vitale e storico della Roma popolare, la tradizione familiare fatta di gioia e dolori :  la grande magica Roma e  i ricordi dei fratelli cresciuti che ora dietro il banco sono intenti a tagliare e pesare pizza e  vendere vita e passione. A pochi passi, ai confini della piazza,  e proprio vicino alla Chiesa vivevano da più di cinquant’anni due palme delle Canarie. Phoenix questo il loro nome botanico, un nome  dedicato all’araba fenice, un uccello magico e misterioso la cui proprietà principale era quella di risorgere dalle proprie  ceneri dopo aver vissuto per 500 anni. Sulla sua storia ci viene in aiuto wikipedia : “La fenice o araba fenice ,  phoenix in latino, una volta che  sentiva sopraggiungere la  morte, si ritirava in un luogo appartato e costruiva un nido sulla cima di una quercia o di una palma. Qui accatastava ramoscelli di mirto, incenso, sandalo, legno di cedro, cannella, spigonardo, mirra e le più pregiate piante balsamiche, con le quali intrecciava un nido a forma di uovo. Infine vi si adagiava, lasciava che i raggi del sole l’incendiassero, e si lasciava consumare dalle sue stesse fiamme  che,  per via della cannella e della mirra che bruciano, era  spesso accompagnata da un gradevole profumo mentre cantava una canzone di rara bellezza. Dal cumulo di cenere emergeva poi una piccola larva (o un uovo), che i raggi solari facevano crescere rapidamente fino a trasformarla nella nuova fenice nell’arco di tre giorni  dopodiché la nuova Fenice, giovane e potente, volava ad Heliopolis e si posava sopra l’albero sacro”. Due palme che tra qualche tempo verranno tagliate e rimosse, scomparendo così dalla nostra memoria e dalla storia di Roma, perché colpite dal flagello del punteruolo rosso. Un insetto distruttivo e vorace, un coleottero, della famiglia dei Curculionidi , che  nel gergo tecnico internazionale viene definito dalla sigla RPW ( Red Pal Weevil ovvero Curcolionide Rosso delle palme)  la cui terribile e devastante diffusione è stata permessa dalla disgraziata voracità degli uomini per il guadagno e per i soldi ( e se gli insetti attaccano il cuore tenero e vitale della palma divorandolo e distruggendolo probabilmente così sarebbe già successo alla Terra per la voracità umana  se nel tempo non ci fossero stati leggi e controlli). Uomini da sempre detentori dell’antropocentrismo, una qualità o forse meglio un’idea,   che stabilisce  da sempre la sua superiorità sulla natura, una natura d sottomettere e addomesticare ai suoi bisogni e alle sue necessità. Buona la pizza, calda con la mozzarella che si scioglie e mentre assaporo il gusto di una delizia romana provo, lì davanti al bancone di vetro, a lanciare  l’argomento sulla salute delle due palme attaccate. Intervisto, chiedo notizie per recuperare pezzi della loro storia. Erano bambini e giocavano nella piazza i due fratelli pizzettieri e le palme già esistevano e spandevano ombra e bellezza nelle calde giornate d’estate. Giornate calde,  ma ventilate,  pomeriggi pigri passati in luoghi riparati e chioschi di grattachecche  dolci e dissetanti,  vissuti in una città nella quale la parola “condizionatore” sembrava non dovesse mai comparire. Dalle due palme cadevano poi datteri, immaturi e difficili da mangiare che lo spirito giocoso dei bambini trasformava in cibi esotici e succulenti. Si succhiavano, si assaporavano  così come le piccole piantine cresciute anch’esse dai datteri, sulla terra quando ancora i bambini usavano giocare sulla terra , leccornie prelibate da imparare a gustare. Ma dura poco l’argomento, la morte di palme con più di cinquant’anni di vita, un pezzo di storia vissuta, di immaginario del nostro paesaggio  oggi non fa più notizia. Ci siamo abituati a tutto. Si va sempre di corsa, ci sono le scadenze delle cose da pagare, i saldi le promozioni. Poi ci sono i politici da demonizzare i Berlusconi, i Brunetta sui quali sparlare, le primarie, le Regionali le Polverini che indossano Rolex da 3000 euro che in una notte scompaiono. Tutto questo manovrato ed elaborato dagli strumenti mediatici: le televisioni, i giornali. Un’epidemia, una peste che sta flagellando le palme, un evento partito da lontano ma che nella sua drammaticità  interessa soltanto il nostro Paese, (a Miami il punteruolo rosso non c’è , come mai?) e che nel giro di qualche anno farà fuori tutte le palme antiche presenti nel nostro territorio. Cosa sarà Piazza di Spagna senza le sue palme o Bordighera scelta dalla Regina Margherita che amava le palme perché “vivono in un’aria salubre”? Con che faccia e con sentimento potremmo partecipare e festeggiare la domenica delle palme (che da qualche tempo forse con fare premonitorio si è già occupata di trasformare nella distribuzione domenicale le palme con ramoscelli di olivo,  una trasformazione che anche se serviva a salvare le palme è senz’altro paradossale). E cosa risponderemo quando i nostri nipoti diranno “Nonno ma quando le palme di Roma stavano scomparendo, tu dove stavi. Cosa facevi? Perché nessuno ha fatto niente affinché questo non succedesse? La sinistra che ha fatto? Non dovrebbe forse uno di sinistra occuparsi del benessere del verde cittadino? Erano forse presi da problemi più gravi? Sai sono stato la settimana scorsa alla Biblioteca Nazionale  ed ho visto un bellissimo libro di foto di Roma. Doveva essere molto bella allora la città con tutte quelle palme. Peccato non poterla rivedere e vivere oggi” Ecco quando succederà tutto questo forse saremo in una città diversa, una città nella quale non ci sarà più memoria, se non per le loro responsabilità,  per nomi come Alemanno, De Lillo, , Vallorosi, Burini. (nell’ordine il sindaco, l’assessore all’Ambiente, il direttore del Servizio Giardini, il responsabile delle alberate), una città con un paesaggio modificato e diverso e senza palme. Le Phoenix canariensis saranno un ricordo degli anziani legate forse al sentimento di un’umanità  e cultura nella quale i bambini giocavano con la terra, gli alberi davano ombra e frutti e la parola sicurezza (c’è forse società più insicura di quella che vende sicurezza?) non era il punto di riferimento per occuparsi della bellezza e della salute della propria città. Esco dalla pizzeria, vado verso le due palme colpite. Mi avvicino le tocco, vedo la loro chioma adaggiata e appiattita, nella piazza scorre acqua da una doppia fontana, la vita scorre e fa festa. Mi appoggio allo stipite di una palma, chiudo gli occhi per un attimo, sento i suoi lamenti, il suo chiedere aiuto, e visualizzo, pondero, entro in contatto.. No, non può essere. Non può essere che tutti siano indifferenti. Non può essere che gli uomini abbiano deciso di far scomparire per sempre le palme dalle nostre città. Qualcuno può sentire oltre me questa necessità che si fa sempre più profonda. Qualcuno può sentire e capire che noi umani possiamo fare qualcosa. Dobbiamo farlo. E se lo faremo in tanti, i tanti  diventeranno massa e la massa diventerà forza, una forza per salvare le palme. Oggi, adesso, qui. Sono  opachi e offuscati i vetri del supermercato Pam , mentre le vetrine del Teatro Vittoria pubblicizzano l’ultimo fantasmagorico  spettacolo , la posta all’angolo ci informa  invece che la vitalità di un quartiere è sempre più in fermento, i pensieri si assommano e così la speranza, c’è anche il tempo e la voglia per un altro pezzo di pizza, forse la gradirebbe anche l’araba fenice.

Antimo Palumbo

Blog Stats

  • 47.368 hits
Contatti : antimopalumbo@hotmail.com
Annunci